• Elena Sechet

Lovers of the city. Solo io e te (e un narghilè)


Read this post in English

Lovers of the city (80 x 80cm) è un bellissimo quadro di Svyatoslav Ryabkin del 2016 che celebra l'amore. L'artista sostiene che chi è innamorato è sempre in volo e sta in paradiso anche se vive in una casa povera e ha un trattore al posto di un'automobile.

Già nel 2011 nel romantico quadro Moonlight aveva ritratto due innamorati abbracciati sul ramo di un albero al chiar di luna. L'amore "sospeso in aria" è un tema ricorrente.

Infatti, in Lovers of the city la consueta figura femminile è seduta sulle ginocchia dell'amato che sembra comodo sopra uno sgabello su una zattera di grossi tronchi. Galleggiano nel cielo sfidando la forza di gravità. Fantastico! Questo rappresenta la loro leggerezza interiore: nel loro abbraccio si percepisce il loro amore. Bisogna ammettere che la struttura è surreale: la zattera è sorretta da un telaio sottile di ferro che si unisce in un perno centrale e si sviluppa una ruota che ricorda una mongolfiera ma a guardarla bene non è che la ruota di un mulino che è impossibile che giri. E' curioso visto che Ryabkin ha una formazione scientifica avendo studiato Educazione Tecnica all'università Radio Elettronica a Kharkov nell'ex Unione Sovietica!

Al primo sguardo mi è sembrata una mongolfiera e mi sono ricordata che qualche anno fa sono stata a una fiera su questo tema a Padova (Italia) ma non c'ero salita. Niente paura, cari Lettori, segnatevi in agenda che a settembre 2018 c'è un'altra occasione: il Balloons Festival di Ferrara (Italia). Non possiamo perderci uno dei più prestigiosi festival di mongolfiere in Europa dove il divertimento è assicurato dal giorno alla sera fino a un spettacolo suggestivo in cui le mongolfiere sono illuminate a ritmo di musica!

Ricordiamo però anche un evento più serio da suggerire a turisti e scolaresche: il Balloon de Paris che è una mongolfiera-laboratorio che sorvola Parigi e studia il grado di inquinamento dell'aria. Che interessante!

E se questa fosse invece una ruota che simboleggia la vita? Mi ricorda il "cerchio della vita" i cui giorni compongono un piccolo miracolo. Ryabkin ha dipinto ben in evidenza gli scalini che sono le tappe più significative. Lungo la linea del cerchio che va compiendosi lento i due innamorati salgono insieme questi scalini sentendosi stabili nel loro vero amore nonostante il sentimento di precarietà attorno a loro.

I due innamorati si lasciano trasportare nel cielo azzurro avio steso uniformemente sulla tela tra grandi nuvole bianche sfumate. Mi piace molto questa distesa di case tutte uguali con i tetti rossi e le finestre azzurre. Sorgono tra strade che sembrano anch'esse di cielo come se abitassero in una città specchiata. L'artista Ryabkin non mette in luce qual è la loro casa ma secondo me i due innamorati sono appena andati a convivere in una di queste. Una cara amica mia e di Ryabkin ci ha confermato che quando si va a convivere per la prima volta con la persona amata si prova grande felicità ed euforia perché si comincia una nuova vita insieme. La convivenza è un passo importante in cui ci si mette alla prova, carico anche di dubbi di non riuscire ad affrontare le sfide quotidiane. Ogni giorno insieme al suo fidanzato è prezioso perché scopre le innumerevoli sfaccettature del suo carattere e testa il loro reale grado di affinità. Alzate lo sguardo all'orizzonte: le numerose chiese ortodosse rappresentano il loro sogno di sposarsi! Sono i sogni a far girare la ruota della vita, non scordatelo mai!

I due innamorati su questa povera zattera hanno tutto quello di cui hanno bisogno cioè niente! Avete letto e visto giusto, con loro c'è solo un narghilè e un gatto.

I narghilè sono pipe ad acqua di origine araba, diffuse in tutto il mondo e molto apprezzate dal popolo russo specie tra i giovanissimi che le fumano anche e soprattutto nei luoghi pubblici come bar e ristoranti. Ne è un esempio l'Hookah Place, famosa catena russa nata nel 2013 a Mosca e diffusa poi a Los Angeles e arrivata fino in Italia a Trieste proprio nel 2018. Lo stile mediorientale e le luci soffuse favoriscono un clima di relax in cui si fuma il narghilè su comodi divani. Si possono sorseggiare the e infusi ma se volete esagerare chiedete di sostituire l'acqua utilizzata da filtro con la vodka o il vino!

Però è sempre importante ricordare che il fumo fa malissimo. Sapevate, cari Lettori, che il fumo del narghilè è cento volte più dannoso del fumo delle sigarette? Sì, per la maggiore concentrazione di monossido di carbonio. Inoltre, il fumo di sigaretta si ripercuote principalmente sulle vie respiratorie terminali (bronchioli e alveoli) mentre, quello del narghilè sulle grosse vie respiratorie (laringe, trachea e bronchi) e accelera l'invecchiamento polmonare. Spesso viene fumato in gruppo favorendo la diffusione di infezioni come tubercolosi, herpes ed epatite. Ogni anno in Russia un milione e mezzo di decessi è causato dal fumo. Speriamo che ci sia presto una legge che vieti completamente il fumo di narghilè e sigarette elettroniche nei luoghi pubblici e l'acquisto da parte dei minorenni.

In Lovers of the city ci sono due gatti. Uno è sulla zattera e l'altro sopra un tetto in basso a destra nella tela. Essi rappresentano l'animale domestico per eccellenza che abita con noi da sempre. Cari Lettori che hanno un gatto a casa, vi sembra che riesca a percepire i nostri stati d'animo? Se ci vedono felici cercano le coccole e ci fanno le fusa mentre, se siamo tristi e nervosi ci girano alla larga, vero? L'artista sceglie spesso di dipingere questo animale che adora come in un altro suo quadro intitolato Girl playing with her cat in cui un grande gatto gioca con una ragazzina.

Volete vedere dal vivo "Lovers of the city"? Attualmente lo trovate presso il Salone Lui e lei a Mogliano Veneto (Treviso, Italia), parrucchiere uomo-donna ed estetica.

di Elena Sechet

Recent Posts
Archive
Search By Tags