• elenasechet

Girl and two doggys, cani di famiglia o trovatelli?


Read this post in English


Girl and two doggys (50x90 cm) di Svyatoslav Ryabkin raffigura l'incontro di due meticci con una bambina nel prato innevato davanti a casa. Gli animali incuriositi le saltellano intorno. All'inizio è importante non farsi accerchiare dai trovatelli per evitare approcci pericolosi. I cani amano correre e rotolarsi sulla neve fresca finché non si stancano e bisogna solo accertarsi che non la mangino! Questa bambina diventerà forse la loro nuova padroncina?


Sembra soffice l'ampio manto candido che si fonde nel cielo dall'aria immobile. Le rigature del colore sulla tela seguono un movimento circolare quasi a riprendere la linea morbida della collinetta su cui poggiano poche case dai tetti rossi.


I colori freddi predominano nel quadro ad esempio il cappottino lilla della bambina e i suoi scarponcini turchesi sono in coordinato con il cappellino. Ricordate, cari Lettori, un altro quadro dell'artista che aveva come soggetto la neve? Riguardate il turbinio in A man dances with a snowstorm (2017) per immergervi in un nuovo spazio invernale. "Girl and two doggys" è stato esposto nell'elegante Salone Lui e lei a Mogliano Veneto (Treviso) e a Spinea in occasione della mostra d'arte La notte è breve (2015).


L'artista ucraino Ryabkin ha dipinto questo bellissimo olio su tela nel 2015 su ispirazione del fatto di cronaca avvenuto qualche anno prima nel suo Paese. In occasione degli Europei di calcio (del 2012) molti tifosi in arrivo in Ucraina da ogni parte del mondo sarebbero stati accolti da una moltitudine di cani randagi. Purtroppo il problema del randagismo esiste da sempre, basti pensare che solo nel centro di Kiev circa 12.000 randagi girovagavano in gruppi. Così il governo ha deciso di sopprimere moltissimi cani randagi affinché non infastidissero i turisti.


L'artista si chiede chi non provi pena per queste creature che sono state vittime di ingiustificate violenze con ogni mezzo a disposizione (bastonate, colpi di fucile, avvelenamenti con topicida o arsenico e morte per asfissia dopo essere stati interrati ancora vivi e poi ricoperti di cemento). Il fotoreporter italiano Andrea Cisternino ha testimoniato per due anni la dinamica di questi fenomeni che sono avvenuti principalmente di notte, lontano dagli sguardi altrui.

Volontari e animalisti farebbero di tutto per salvarli, accogliendoli in strutture adatte come i canili. Infine, l'unico mezzo dichiarato scientificamente valido dall'Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbe la sterilizzazione a tappeto.


Ryabkin cerca di sensibilizzare al tema del randagismo con l'opera "Girls and two doggys" raccontandoci quanto i cani meticci, risultati dall'incrocio di razze diverse, siano in generale più longevi e sani di quelli di razza.


Il quadro è di grandi dimensioni (50x90 cm), è delicato seppur imponente e spicca agli occhi degli osservatori la cura nei dettagli che possiamo riscontrare nell'espressività del viso della bambina e nelle striature del pelo del cane dal manto chiaro. Nella sua semplicità il soggetto è di forte impatto visivo, quasi come fosse una fotografia scattata da un adulto che assiste alla scena. E trattando sempre di arte, mi sono venute in mente le "icone" di Steve McCurry, opere facenti parte la mostra fotografica Icons, a Conegliano (Treviso) fino al 13 febbraio 2022. Egli è l'artista che ebbe la possibilità di seguire in Afghanistan i Mujaheddin al tempo della guerra contro la Russia. Da non perdere!


Iscrivetevi alla Newsletter per essere sempre aggiornati sui prossimi eventi!


di Elena Sechet


Recent Posts
Archive
Search By Tags