• Elena Sechet

Shakespearean passions, la forza dei sentimenti


Read this post in English

Shakespearean passions (100x75 cm) è un olio su tela dell'artista Svyatoslav Ryabkin che celebra il drammaturgo e poeta inglese William Shakespeare. Questa volta l'arte ucraina è arrivata in Italia passando per Stratford-upon-Avon, città natale di Shakespeare!

Il pittore l'ha seduto nella parte sinistra della tela in qualità di spettatore delle sue stesse opere. Cari lettori, lo riconoscete? Indossa la gorgiera, il colletto pieghettato caratteristico dello stile del XVII secolo.

La scena di festa in questo interno domestico ricorda il ballo nella casa dei Capuleti in cui erano riusciti ad intrufolarsi Romeo, suo cugino Benvolio e l'amico Mercuzio. I tre uomini sono rappresentati dall'artista, "Slava" per gli amici, che immortala così il primo incontro tra Romeo e Giulietta in centro alla stanza (I° atto).

L'amore perfetto è quindi il primo sentimento che Ryabkin rappresenta con questo romantico primo bacio. Ma il secondo sentimento che aleggia nell'aria è l'ostilità durata per generazioni tra Montecchi e Capuleti, le nobili famiglie di Verona dei due innamorati per eccellenza.

Gli amici dell'artista sanno che del buon cibo non può mai mancare ad una festa! Ecco così che in basso a sinistra nella tela c'è un opulento vassoio di cibi freschi. Quest'area di colore è vivace e spicca sulla tovaglia brillante sopra il lungo tavolo dedicato al banchetto davanti al pavimento marrone che gli fa da sfondo.

Gli acini azzurri sono dipinti con definizione, c'è un pezzo di formaggio al centro, uno zucchino e alcune carote disposte armoniosamente tra i pomodori che rossi "legano" con gli altri elementi dello stesso colore nella stanza (gli sgabelli e la maglia dell'uomo vicino alla finestra) contribuendo a rendere la profondità dell'ambiente.

La frutta e il quadro con la grande gerbera blu sono due esempi di natura morta. Sapevate cari lettori che si configura come genere autonomo solo all'inizio del XVII secolo?

Il terzo sentimento di cui mi ha parlato Ryabkin dopo la realizzazione del quadro "Shakespearean passions" è la gelosia. Sì, l'artista ucraino si è ispirato anche ad un'altra tragedia shakesperiana: Otello, il Moro di Venezia.

Otello, nobile condottiero, è un uomo buono e innamorato di sua moglie, la giovane e aristocratica Desdemona. Cari lettori, vedete in centro alla stanza Desdemona che sta ascoltando le parole persuasive di Iago, l'alfiere di Otello?

La indurranno ad avvicinarsi con un pretesto a Cassio, il luogotenente fiorentino vicino alla finestra, che ignaro troverà per caso un fazzoletto di lei, recapitatogli proprio da una finestra dall'infido Iago. Il fazzoletto sarà la prova del mai avvenuto tradimento di Desdemona che porterà il povero Otello, seduto con gli occhi bassi vicino a Shakespeare, alla furia cieca. Questi sono gli altri sentimenti shakesperiani che vivono nel quadro oltre al tarlo del dubbio, che indurrà Otello alla vendetta portando alla morte la bella Desdemona e al successivo senso di rimorso una volta scoperta la verità.

Iago è al centro della stanza in veste di protagonista morale e grande manipolatore degli altri personaggi. Egli ha detto: "Non possiamo essere tutti padroni, né tutti i padroni possono essere serviti con fedeltà." Questa frase mi ha colpito!

Tuttavia, l'interno è molto luminoso per la presenza della finestra che guida lo sguardo lungo un viale alberato in una giornata di sole e lo sfarzoso lampadario al centro regala maestosità alla stanza.

La tecnica del colore graffiato è un tratto distintivo dell'artista Svyatoslav Ryabkin che usa il pennello in entrambi i versi accarezzando la tela con le setole e rigando il colore denso con la punta del suo manico. In questo modo dona movimento a ogni elemento e anche in "Shakespearean passions" tutto è rigato ad eccezione dei volti che ha lasciato lisci e liberi di rendere la loro espressività.

Questo quadro è stato dipinto nel 2009 e ha riscosso successo presso una mostra d'arte tenuta nella Galleria Villa Simion a Spinea (Venezia). Il pubblico ha ammirato la tecnica e ha apprezzato in particolar modo il bel vassoio di frutta.

Questo quadro è una perfetta sintesi tra arte e letteratura: la pittura concretizza le vicende che ci trasmettono emozioni profonde. Talmente colorato da ricordare i quadri di Chagall, "Shakesperean passions" è un quadro conviviale, perfetto per arredare con brio un salotto, non trovate anche voi cari Lettori?

Attualmente si trova presso Pica Cornici di Girotto Giorgio, famoso corniciaio di Mogliano Veneto (Treviso).

Cari Lettori, vi invito a consultare i Cataloghi dell'artista e scoprire anche suoi altri bellissimi quadri che potete scaricare in pdf; "Shakespearean passions" si trova nel Catalogo 2010.

E non dimenticate di iscrivervi nella nostra Newsletter per essere sempre aggiornati sulle prossime mostre d'arte!

di Elena Sechet

Recent Posts
Archive
Search By Tags