• Elena Sechet

The poet and the moon, l'incontro tra il poeta e la luna è la fusione perfetta tra arte e poesia


Read this post in English

Perdetevi nell'atmosfera di The poet and the moon (80x80 cm) ascoltando la canzone Walking on the moon dei Police come ho fatto io!

Nel 1979 Sting ha scritto questa canzone pensando alla sua prima ragazza, Deborah Anderson, di cui era perdutamente innamorato. Anche voi, cari Lettori uomini, siete così romantici?

In questo quadro fantastico il poeta invoca la luna per ricevere l'ispirazione. Durante il plenilunio la luna enorme sfiora la mano del poeta che è in posizione centrale del quadro: acquisisce così grande rilevanza. E' una mano aperta, pronta ad accogliere nuovi stimoli e può essere interpretata anche come richiesta di aiuto.

I raggi lunari sono come lunghi capelli biondi di una donna, realizzati dall'artista Svyatoslav Ryabkin con pennellate dorate. La luna diventa dunque, la sua musa ed è personificata con grandi occhi vuoti, naso e bocca umani. Il poeta, illuminato dalla sua luce candida, trova facilmente nuovi spunti per le sue poesie.

Egli è un giovane dai lineamenti gentili, la sua pelle chiara e la chioma bionda contrastano con l'oscurità notturna. C'è solo un albero a tenergli compagnia, entrambi sono elementi realistici e artisticamente realizzati dal colore graffiato, intenso e vibrante. Nel resto del quadro questa tecnica è resa in maniera meno evidente.

L'artista, quando ha realizzato "The poet and the moon", si è chiesto se il poeta stesse pensando a delle rime o avendo delle allucinazioni! In ogni caso non riesce a intuire cosa gli stesse passando per la testa. Voi avete qualche idea? I suoi pensieri viaggiano nel cielo perchè è felicemente innamorato o non corrisposto? Condividete con noi le vostre opinioni!

I più grandi poeti di ogni tempo hanno citato la luna nelle loro più belle composizioni: Dante, nel Secondo Canto del Paradiso, ha parlato delle forti emozioni e degli autentici sentimenti che suscita. Petrarca invece, l'ha interpretata come metafora dei suoi stati d'animo malinconici e notturni. Forse anche il poeta di Ryabkin è un po' malinconico. Secondo voi lo è?

Infine, Leopardi nella poetica romantica Canto notturno di un pastore errante dell'Asia invoca la luna in quanto amica consolatrice. In questo video Andrea Cortellessa ne fa una veloce quanto piacevole lettura e analisi. Guardatelo per dirci se vi piace!

L'artista Ryabkin ha dipinto "The poet and the moon" nel 2012. Fino a quell'anno aveva esposto i suoi quadri solo in Ucraina, nella città di Kiev (nel 1996 e 2009) e di Kharkov (nel 1997, 2001, 2003 e 2005).

Scriveteci che cosa vi suscita questo bellissimo quadro che ispira accenni all'arte, alla letteratura e alla musica!

di Elena Sechet

Recent Posts
Archive
Search By Tags